LA BUONASCUOLA? LIBERA

Genitori, docenti, politici e imprenditori insieme per riflettere sull’educazione

Martedì 25 ottobre, presso la Camera di Commercio di Lecco si è svolto il convegno “Liberi di educare per educare alla libertà” promosso da 11 scuole paritarie del territorio, che hanno voluto questo momento pubblico di confronto con il territorio per condividere e rilanciare in modo sempre più forte la battaglia per una scuola di qualità.

L’intervento di Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione della Sussidiarietà, si è concentrato sullo studio di Heckman che ha dimostrato che il modello della scuola americana basato solo sulle conoscenze standardizzate risulta perdente. “Dove invece si investe anche sulle non cognitive skill – intese come capacità di estroversione, di apertura all’esperienza, di amicalità, coscenziosità e stabilità emotiva- allora si verifica una vera conoscenza all’altezza delle sfide del tempo. L’obsolescenza ormai è di 5 anni: se insegniamo solo conoscenze e non il metodo, se non tiriamo su persone curando il character non stiamo facendo scuola” ha commentato Vittadini: “per attuare tutto questo è necessario compiere dei cambiamenti come dare autonomia negli stipendi, premiando i docenti migliori, dare libertà sempre maggiori nella programmazione e nella gestione dei budget. Lavorare per una reale autonomia e una reale parità è necessario per il bene di tutti; altrimenti la scuola tutta peggiora”.

Sul rapporto libertà- diritto ha insistito invece suor Anna Monia Alfieri presidente regionale FIDAE: “i diritti sulla carta non mancano; già nella costituzione l’articolo 30 sancisce che la responsabilità educativa è della famiglia. Ma nei fatti questo non accade. Questo diritto nei fatti in Italia non c’è, perché manca la libertà nell’esercitarlo. Il problema non è la legge, che c’è, ma l’assenza di libertà legata al vincolo economico. A chi mi chiede se sto dalla parte della scuola statale o paritaria io rispondo che sto dalla parte dello studente. Dobbiamo partire da qui: dalla libertà dello studente e della famiglia che oggi in Italia è negata”.


Alessandro Mele, direttore della scuola Oliver Twist, ha infine fatto un affondo sulle sfide per le quali i ragazzi vanno preparati: “tre dei lavori oggi più richiesti, cinque anni fa non esistevano neanche. Ci sono moltissimi cambiamenti in atto, nei consumi e nel mercato nel lavoro. La didattica va quindi ripensata: è sempre più importante sviluppare nei ragazzi un approccio mentale aperto all’imprenditorialità. Occorre realismo, inteso come capacità di entrare in rapporto con la realtà: è a questo che i docenti devono introdurre”.

La serata si è conclusa con l’appello di Plinio Agostoni, moderatore dell’incontro: “l’educazione è un compito comune, di tutta la società. La realtà dei nostri tempi pone sfide enormi. Occorre una sinergia tra impresa e educazione, per fare una buona scuola. E finchè non ci sarà una libertà, anche da un punto di vista economico, non ci potrà essere una buona scuola per tutti. E’ su questo che dobbiamo lavorare insieme”. 

 
Esci Home