1918-2018: RIPARTIAMO DALLA PERSONA
Sala Ticozzi gremita per l’evento promosso dal nostro Liceo e dal Coro Grigna 


Una serata di canti, poesie, dibattito e grandi emozioni quella di ieri sera, promossa dal Liceo Leopardi insieme al Coro Grigna in memoria del centenario della fine della I Guerra Mondiale , che ha visto una sala Ticozzi gremita di persone di diverse età, dai giovanissimi agli anziani. 
Ma soprattutto un momento di riflessione e memoria, senza la quale “ è più facile che un popolo diventi preda di nuovo della dittatura e della violenza, perché non sa che cosa vogliano dire”: ha commentato Giorgio Vittadini, Presidente della Fondazione per la Sussidiarietà, che ha dialogato con gli studenti del Liceo sottolineando inoltre che “la prima mossa di una dittatura è infatti sempre cancellare la memoria, bruciare i libri perché sono la testimonianza vivente che c’è un pensiero”. 
Il coro Grigna ha eseguito alcuni dei canti alpini più celebri, come “Senti cara Nineta”, “La tradotta”, “Monte Pasubio” e “Ai Preat”: un tuffo nei sentimenti e nei pensieri degli uomini che la guerra l’hanno fatta. 
“La radice dei Nazionalismi è l’astrazione”, ha sottolineato Vittadini: “per non incorrere in questo pericolo occorre guardare la realtà ed entrarci dentro, non fermarsi ai luoghi comuni, cercare di riprendere le coscienze dei singoli e continuare il dialogo tra i Paesi dell’Europa che non deve fare un passo indietro nella sua unità”. “Il pericolo più grande è la chiusura: e questa si verifica quando c’è un crollo dell’umano”, ha aggiunto. 
Alla domanda degli studenti che chiedevano come l’identità di un Paese possa essere una  risorsa e non un pretesto per una chiusura su di sè, il Professore ha ricordato che “la nostalgia della propria identità deve diventare passione, lavoro e voglia di costruire oggi. Per farlo occorre mettersi insieme: la forza dell’Italia è sempre stata questa, la capacità di creare corpi intermedi che sostengono il Paese senza delegare tutto allo Stato. Un io solo invece si identifica nello Stato. Qual è l’antidoto? Il cuore. Se ci guardiamo intorno - pensiamo al gesto eroico del gendarme francese negli ultimi attentati - i gesti di umanità grande sono di tutti i giorni
Dobbiamo diventare capaci di indicare questo cuore in azione e ripartire da lì”. “Per evitare che la storia di ripeta, occorre educare alla coscienza che ciascuno è responsabile del compito particolare che gli è affidato, occorre far crescere gente così, che ama la responsabilità che gli è data. C’è bisogno di un popolo così”, ha concluso Vittadini. 

 
Esci Home